Psicopatologia di una Intelligenza Artificiale

Psicopatologia di una Intelligenza Artificiale

I ricercatori di Google hanno chiesto a una rete neurale di produrre immagini basate su quello che conosce di determinati oggetti. ricercatori di Google hanno deciso di definirli sogni. Un termine calzante, anche perché secondo loro, potrebbe nascondere le radici di un primitivo processo creativo di un’intelligenza artificiale.

iterative_places205-googlenet_12

Come vede realmente il mondo un’Intelligenza artificiale (I.A.) ? Se lo sono chiesti i ricercatori di Google, che hanno deciso di verificarlo chiedendo alla loro rete neurale artificiale non di riconoscere, ma di produrre immagini di particolari oggetti. Il risultato sono una serie di rappresentazioni oniriche e psichedeliche che, possono essere considerate qualcosa di simile ai sogni di un computer.

Una volta esaminate le immagini elaborate dall’intelligenza artificiale, si denotano sin da subito, tratti Psicopatologici marcati, è presente un’ evidente trasmutazione “delirante” delle immagini

thebirthofvenusbotanicaldimensions-jpeg

Le immagini elaborate dall’ l’intelligenza artificiale risultano confuse, fluide, tendenti a percepire “il tutto” in un’unica sostanza coesa, tipica delle “frequenze” percettive di chi ha assunto sostanze allucinogene, come L’L.S.D o Funghi allucinogeni.

 

Sembra quasi che l’intelligenza sia all’inteno di un vero e proprio “trip” fusionale, ricco di dettagli ambigui con colori estremamenti vividi e sgargianti, un sogno ? un allucinazione ? che di fronte a noi si stia evidenziando una coscienza primitiva?

 

tumblr_nscbdwnqSO1upyo5no1_540

Di sicuro, l’intelligenza artificiale, sembrerebbe incline alla paranoia, in molte immagini la presenza di occhi è evidente;

che sia un timore verso lo sguardo umano ? 

 –

Le immagini inserite nell’articolo sono le rappresentazioni originali

dei sogni dell’intelligenza artificiale di Google

Write a Comment